Il portale in bronzo colorato, realizzato da Paolo Borghi, è formato da due ante cesellate interamente a mano dallo stesso autore. In esso sono raffigurati episodi riguardanti la vita di San Francesco di Paola. L'autore per evitare la staticità delle formelle istoriate già presenti nei due portali dell'antica Basilica, ha realizzato l'opera ispirandosi alla pittura del Masaccio il quale nello stesso campo collocava scene e soggetti diversi.
Nominalmente le due ante del portale sono riconosciute come "l'anta dell'acqua" e "l'anta del fuoco"  (rispettivamente a destra e sinistra di chi guarda).


Nel mezzo è posta la statua marmorea di San Francesco di Paola in atteggiamento accogliente e di movimento sovrastato da un putto che regge il motto "CHARITAS".
L'intera opera scolpita a mano, è stata ricavata dal Borghi da un unico blocco di marmo delle cave di Carrara. Nel drappeggio dell'abito del Santo si può notare un richiamo all'elemento dominante del Santuario che è l'acqua.