Di fronte al balcone c'è il portale in pietra, che immette nel Coro superiore, occupato in massima parte dall'ampio coro ligneo scolpito con gusto, che porta al centro la data: AD. 1658.
Da una parete pende la tela dell'Ecce Homo, magnifica ed espressiva pitt
ura seicentesca, attribuita a Mattia Preti.
Vi si conserva anche la bellissima tavola della Madonna in trono col Bambino, di seguace di Antonello da Messina, forse di Antonello da Saliba, dei primi del Cinquecento.
Piccolo particolare: nella parte interna del bracciolo del primo stallo inferiore si trova scolpito il nome dello studente Giuseppe Perrimezzi, che diventerà poi uno dei più illustri membri dell'Ordine e degnissimo Vescovo di Oppido Mamertina.