La Biblioteca è formata da un vasto ambiente quadrato, di m. l0 di lato, che riceve luce da due ampie balconate con ringhiera barocca in ferro battuto.
Nella volta si trova l'affresco, eseguito nel 1781 da Genesio Gualtieri, rappresentante l'incontro della Regina di Saba con Salomone.
Le quattro pareti sono interamente occupate dall'artistica scaffalatura in legno di noce intagliato e dorato, della lunghezza di m. 38 e dell'altezza di 5,50, eseguita da Giuseppe Bava, come si rileva dall'iscrizione che è sullo scaffale, che conserva i manoscritti e le opere rare: "M. (Magister) IOSEPH BAVA A. D. 1778".
E' un lavoro magnifico, che rappresenra l'unico esemplare del genere rimasto in Calabria.
Sulla porta d'ingresso, nella parere esterna, sono raffigurati S. Agostino e S. Giovanni Crisostomo, rappresentanti della patristica latina e greca. In questa sezione della Biblioteca sono conservanti gli incunaboli, le cinquecentine, e buona parte dei libri anteriori al 1850.  i libri è collocato il ritratto del P. Bonaventura Barbieri, fondatore della Libreria. Per informazioni su questi volumi si può consultare il sito: www.sbn.it