In questi anni, insieme con la crescita numerica dei frati e dei conventi, Francesco si occupa con impegno nella determinazione della spiritualità del suo Ordine, scrivendo la Regola per il suo Ordine e chiedendone l'approvazione al Papa.
Influen
zato dalla letteratura apocalittica di fine secolo, egli si incamminava sempre più decisamente verso una formulazio
ne del suo carisma in termini di penitenza, mentre alle origini esprimeva gli stessi contenuti con la terminologia eremitica della povertà.
L'evangelico Fate frutti degni di penitenza, diventa il valore evange
lico dominante a cui ispira tutta l'impostazione della sua proposta spirituale.