All'ingresso della cosiddetta "Zona dei Miracoli", si trova il primo ricordo dei Miracoli compiuti da San Francesco.Si tratta della Fornace utilizzata dal Santo per far cuocere il materiale utilizzato per la costruzione della Chiesa e del Convento.
Fin dalle prime biografie è attestato che il Santo taumaturgo vi entrò una volta per ripararla mentre ardeva a pieno ritmo, senza riportare alcuna scottatura. Un'altra volta nè richiamò a vita l'agnellino "Martinello", che gli operai avevano divorato, gettandone le ossa tra le fiamme.